Antidoti – il festival si avvicina

Aparte in collaborazione con Spazio Teatro 89, Arci Brenna, BoÎte e Shareradio sta lavorando all’organizzazione del festival Anteprima 89 edizione 2012 – “Antidoti”.

Il bando relativo alla sezione teatro si è chiuso, sono arrivate numerosissime proposte che la commissione sta vagliando. E’ ancora aperta fino a fine marzo la sezione di arte visiva dedicata alla fotografia, per la quale tutti possono partecipare seguendo la prassi indicata nel bando che trovate su questo blog o su anteprima89.org, concorrendo al premio (di quattrocento euro) che verrà assegnato dalla votazione del pubblico durante il festival.

Ma c’è molto altro in preparazione: avremo ospiti che verranno a trovarci portandoci i propri antidoti d’autore.

Quest’anno abbiamo scelto il tema “Antidoti” con l’intento di aprire un profondo squarcio di riflessione su come si possa guardare al futuro con occhi diversi cercando antidoti al veleno che sta deprimendo la società civile e culturale. Come recita il bando, abbiamo bisogno di antidoti e di punti di vista nuovi. Abbiamo bisogno di ricordare ciò che di meglio l’uomo è stato in grado di fare e di pensare, ma anche di ricordarci del peggio, affinché non si ripeta. Abbiamo bisogno di scoprire come usciremo dalla crisi, immaginando il nostro futuro prossimo.

Il festival darà spazio all’arte, al teatro, alla musica, alla fotografia, ma sentiamo necessario che attorno all’arte ci siano momenti per parlare, riflettere, per dare voce alla società civile.
Ragione per cui avremo come ospiti esponenti della società civile oltre a personalità del mondo dell’arte e della cultura. A ciascuno chiederemo di presenziare durante il festival regalandoci un proprio frammento di “antidoto”.

Peculiarmente il festival Anteprima 89 vuole ospitare nuove produzioni teatrali e dell’arte visiva che quest’anno è rappresentata dalla fotografia, scelta volutamente per porre particolare attenzione al concetto dello “sguardo”, del “punto di vista” ed anche in quanto strumento di testimonianza capace di esplorare ogni angolo della realtà, in qualunque momento. Gli antidoti sono in noi ed attorno a noi, bisogna saperli trovare e portare alla luce.

Agli artisti in gara nelle sezioni teatro e fotografia affidiamo i compiti che crediamo siano propri dell’arte: offrire punti di vista, stimolare, farsi carico della memoria, creare, nutrire l’immaginario collettivo, esprimendosi sul tema proposto.

Desideriamo porci in ascolto e dialogare con chiunque vorrà avvicinarsi e partecipare al progetto, mossi dal desiderio di offrire un momento di apertura trasversale e stimolante per tutti, per questo l’invito a contattarci e ad immaginare con noi il festival “Antidoti” è aperto.

Ci auguriamo che la partecipazione degli ospiti, degli artisti in gara e del pubblico risponda all’entusiasmo e alla necessità che ci hanno spinti a realizzare questa edizione.

Gianluca Di Lauro e Federica Parolini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *